Post

Oggi 17 ottobre S. Ignazio di Antiochia

Nato circa 35 d.C.
Morto martire a Roma circa nel 107 - condannato ad essere sbranato dalle belve. (persecuzione dei cristiani dell'imperatore Traiano).

Vescovo, teologo, Padre della Chiesa.

Mentre veniva deportato a Roma, durante il percorso, riuscì a scrivere delle lettere per confermare nella Fede le comunità cristiane di cui si prendeva cura.
Escluse le interpolazioni dei secoli successivi, i documenti autentici scritti da Ignazio sono molto importanti come testimonianza della Chiesa primitiva, della sua organizzazione, teologia e delle prime eresie che già giravano e dalle quali i vescovi - unici depositari della fede originaria - mettevano in guardia.

Più volte sono rimasta impressionata dal "sistema perfetto" che ha blindato e trasmesso il messaggio cristiano attraverso i secoli.
È sufficiente leggere i Padri della Chiesa, i quali sono distanti anche secoli gli uni dagli altri, per rendersi conto che il nucleo immutabile del cristianesimo passa intatto da vescovo …

Pausa Chesterton. Progresso! Direzione? Boh, chissene, ma tu cammina in fretta! Go!

"Non sono mai stato capace di comprendere che cosa sia il Movimento Progressista, tranne che somigli un po' a un poliziotto che dice sempre alla gente di "andare avanti", senza dire loro dove andare."

Gilbert Keith Chesterton, Illustrated London News, Christmas and The Progressive Movement, 1 Gennaio 1910

Come sempre, grazie al blog della Società Chestertoniana Italiana
http://uomovivo.blogspot.com/

Ancora sui temi arcobaleni. "Love is love"? Perché oggi è vietato parlarne da una prospettiva religiosa?

Immagine
Che cosa insegna la Chiesa di "così strano" sulle persone che provano attrazione fisica e/o sentimentale verso altre persone dello stesso sesso?

[annotazione linguistica storica. 
In tempi recenti queste persone sono state denominate "omosessuali" per distinguerle dalle persone dette "eterosessuali" - entrambe sono classificazioni modernissime che però riducono l'identità di un essere umano a quello che fa coi genitali o con l'apparato digerente. 
Il linguaggio antico biblico in realtà è ancora più esplicito e addirittura più crudamente fisico rispetto a quello moderno PERÒ la distinzione antica non categorizzava a priori le relazioni di coppia etero/omo, bensì indicava le concrete azioni fisiche sbagliate - chiunque le compisse - con uomini, con donne, con animali, o da solo. 
In definitiva la Bibbia e tutti i documenti giudeo-cristiani extra-biblici sono perfettamente democratici nella distribuzione dei peccati. 
Infatti anche un "etero" pu…

Oggi 4 ottobre San Francesco d'Assisi

Immagine
"E il Signore mi dette tanta fede nelle chiese, che così semplicemente pregavo e dicevo: Ti adoriamo, Signore Gesù Cristo, in tutte le tue chiese che sono nel mondo intero e ti benediciamo, poiché con la tua santa croce hai redento il mondo.
Poi il Signore mi dette e mi dà tanta fede nei sacerdoti che vivono secondo la forma della santa Chiesa Romana, a causa del loro ordine, che se mi dovessero perseguitare voglio ricorrere ad essi. 
E se io avessi tanta sapienza, quanta ne ebbe Salomone, e mi incontrassi in sacerdoti poverelli di questo mondo, nelle parrocchie dove abitano, non voglio predicare contro la loro volontà. 
E questi e tutti gli altri voglio temere, amare e onorare come miei signori, e non voglio in loro considerare il peccato, poiché in essi io vedo il Figlio di Dio e sono miei signori. 
E faccio questo perché, dell’altissimo Figlio di Dio nient’altro io vedo corporalmente, in questo mondo, se non il santissimo corpo e il sangue suo che essi soli consacrano ed essi soli…

Arcobaleni? ... O bigotti-baleni?

Immagine
Per iniziare ... Osserviamo e confrontiamo alcune immagini.
Già facendo la ricerca su Pixabay (per trovare le immagini Public Domain) mi sono resa conto che basterebbero quelle. Senza tanti commenti.
Magari li aggiungerò tra qualche giorno. Forse finirò di scrivere quello che stavo scrivendo. O forse no...
Intanto, se volete il quadro generale del discorso leggete QUI il mio post sui bigotti










Stavo riflettendo.
Se qualcuno si definisce "arcobaleno" (in vari sensi e significati oggi politicamente di moda: ad esempio si vedono in giro arcobaleni pacifisti o arcobaleni sessisti) ... è sufficiente chiamarsi "arcobaleni" per esserlo davvero?






L'arcobaleno.  Si può tentare di imitarlo con la vernice... e qualcuno può anche dire che lo preferisce verniciato (invece che "al naturale") ... Anzi può pure dire che quello al naturale gli fa molto schifo. Mentre quello che conta è solo quello dipinto con la pittura acrilica.
E chi sono io per impedire alla gente di …

Due giorni in compagnia dei bigotti

Immagine
"Nessuno degno di essere chiamato uomo permette che i suoi sentimenti cambino le sue convinzioni; 
ma è attraverso il sentimento che comprendiamo le convinzioni degli altri uomini. 
Il bigotto non è colui che sa di avere ragione; ogni uomo sano di mente sa di avere ragione. 
Il bigotto è colui le cui emozioni e la cui immaginazione sono troppo fredde e deboli per sentire come è che gli altri uomini fanno del male."

Gilbert Keith Chesterton, Alarms and discursions (1911)

Come sempre, GRAZIE al blog della Società Chestertoniana Italiana L'Uomo Vivo nel quale si trovano testi e citazioni in italiano del grande autore inglese




"Il bigotto è colui le cui emozioni e la cui immaginazione sono troppo fredde e deboli per sentire come è che gli altri uomini fanno del male."


Mi ci sono voluti ben 2 giorni per capire la frase di Chesterton.
Eppure ce l'avevo sotto gli occhi...
Eppure proprio in quelle 48 ore una certa vicenda mi interrogava esattamente su quel punto.
Intend…

Cos'è il coraggio?

Immagine
"C'è solo una cosa nella psicologia umana che merita di essere chiamata coraggio. 
Questo è il potere di amare una causa senza speranza a tal punto che diventi una causa di speranza. 
Tutto il coraggio è il coraggio della speranza perduta; 
bisogna prima accettare la disperazione; 
bisogna creare da soli la speranza."

Gilbert Keith Chesterton, Daily News, 17 febbraio 1906.

Grazie, as usual, al blog della Società Chestertoniana Italiana L'Uomo Vivo

                          --------------


Meditazioni bibliche sul coraggio

Dal libro del Profeta Aggeo capitolo 2, versetti 3-5

Chi rimane ancora tra voi che abbia visto questa casa nel suo primitivo splendore? Ma ora in quali condizioni voi la vedete? In confronto a quella, non è forse ridotta a un nulla ai vostri occhi?
Ora, coraggio, Zorobabele - oracolo del Signore -,
coraggio, Giosuè, figlio di Iosadàk, sommo sacerdote;
coraggio, popolo tutto del paese - oracolo del Signore -
e al lavoro,
perché io sono con voi - oracolo del Signo…